LE PROMESSE DIMENTICATE!

Bolgare, 2 dicembre 2020

E così, in attesa che l’impresa Milesi trovasse un cliente interessato ad operare nella sua area, diventata finalmente “fabbricabile”, e che il Comune incassasse finalmente i suoi pattuiti 400.000 Euro in opere pubbliche viarie, sono passati una decina di anni.

Dobbiamo attendere il 11.09.2018 perché la ditta Milesi Sergio e la ditta Franchini Spa si presentino all’Amministrazione di Bolgare chiedendo un parere preventivo …” per la realizzazione della nuova sede legale ed operativa della Franchini Spa”, azienda di Alzano L.do operante nel settore dei servizi ecologici ed ambientali. La Giunta Comunale con delibera n. 110 del 14 Novembre 2018, a pochi mesi dalle elezioni del maggio 2019, esprime il proprio parere FAVOREVOLE alla realizzazione dell’intervento.

Leggiamo insieme la Delibera della Giunta Comunale qui allegata ( )e evidenziamo quelle che appaiono incongruenze od incompletezze informative circa le norme attuative del PGT per quella zona:
  • Si parla di “…realizzazione di nuovo insediamento produttivo della Franchini Spa per svolgimento di servizi ecologici ed ambientali, con IMPIANTO DI DEPURAZIONE, …” (ma non di IMPIANTO SMALTIMENTO RIFIUTI, come poi è venuto ad emergere nella realtà, viste le Deliberazioni successive, un impianto di DEPURAZIONE è normalmente presente in una fabbrica) insomma pare una versione edulcorata della verità per evitare di suscitare troppo interesse a pochi mesi dalle elezioni;
  • Si cita solo che rispetta la Norma dell’Art. 1.3.2.3 del PGT (Piano di Governo del Territorio, “ex Piano Regolatore”) che riguarda l’insediamento nel comparto della lottizzazione di attività produttive insalubri di Prima e seconda Classe, che sono vietate salvo che siano “dotate di tutte le cautele stabilite dalle Leggi a difesa dell’ambiente e secondo permessi, prescrizioni e monitoraggi da parte delle autorità competenti, …”;
  • Ma NON si cita la Norma del PGT che vieta su tutto il territorio comunale cave, discariche, impianti di stoccaggio e trattamento rifiuti (come disposto dalla Delibera del Consiglio Comunale n° 49 del 20 Novembre 2000);
  • Alla delibera non è allegata, come sarebbe stato opportuno, la proposta di Milesi e Franchini per consentire ai cittadini di capire bene quali erano i “…benefici a favore della collettività come prospettati di massima dagli istanti e di cui al momento si prende atto…” (cit. in Delibera) che i richiedenti avrebbero concesso.
Cosa dire di tutto questo? Che considerazioni fare?